Draghi avverte: risanare con le tasse crea recessione

Il presidente della Bce: "Dopo il patto di bilancio serve un 'patto per la crescita'". Monti: la priorità va data al rigore dei conti, unica strada per ritrovare la fiducia degli investitori

FRANCOFORTE. Per la crescita e il lavoro la priorità va data al rigore dei conti, unica strada per ritrovare la fiducia degli investitori. E' chiaro il premier Mario Monti, coerente con la linea che ha riparato l'Italia dal fuoco incrociato dei mercati e con i dettami Bce.
Ma proprio l'Eurotower comincia ad aggiustare il tiro. Dopo il patto di bilancio serve un "patto per la crescita", avverte il presidente Mario Draghi: risanare solo aumentando le tasse crea recessione. Una strada difficile da riprendere, quella della crescita, che però il Governo sta 'esplorando' proprio con la rigorista Germania, attraverso contatti intercorsi fra i consulenti di Monti e della cancelliera Angela Merkel, che oggi ha accolto con favore le parole di Draghi, sottolineando che l'obiettivo deve essere raggiunto "attraverso riforme strutturali".
E dall'altro lato dell'oceano il presidente della Fed, Ben Bernanke, ammonisce che i passi avanti dell'Europa per risolvere la crisi del debito non bastano: l'Europa, dice, "deve fare di più per adempiere agli impegni presi". La sintonia della coppia dei 'Super-Mario', quindi, per una volta non è del tutto perfetta, almeno nei tempi, sullo schema migliore per affrontare i prossimi difficili mesi. Con i possibili smottamenti politici dietro l'angolo in Francia e Olanda, e con una Spagna che dà segni d'impazienza, la strategia del rigore incentrata fino ad ora sull'asse Merkel-Sarkozy rischia di vacillare, vanificando i sacrifici fin qui fatti e rompendo faticosi equilibri politici. Monti, alle prese con la recessione e con una coalizione in difficoltà per il peso fiscale che aumenta, è consapevole dei rischi. E da Roma avverte: per uscire dalla crisi "non esistono facili vie o scorciatoie".
"Il rigore porterà gradualmente a una crescita sostenibile e al lavoro", e l'Italia deve cambiare "alcuni modi di pensare e di vivere".
Un invito che arriva mentre aumenta, assieme a quello dei partiti, anche il pressing delle parti sociali. "Monti non sta facendo un buon lavoro perché ha annunciato un programma di rigore, equità e crescita, e vediamo solo il rigore", ha affermato oggi il segretario della Cgil, Susanna Camusso. "Non vediamo equità nei provvedimenti, soprattutto non vediamo crescita e lavoro". Una critica non nuova né inaspettata. Stride maggiormente con la linea del premier, invece, la posizione della Bce.
Nonostante il triplo 'firewall' anti-crisi messo sul piatto da Ue, Fmi e Bce, i più recenti indicatori sono "ambigui", avverte Draghi: segnalano alta incertezza sulle prospettive di ripresa. I Paesi dell'Eurozona con i conti non in regola "devono continuare a fare correzioni di bilanci strutturali", premette Draghi. Proprio la Bce ha ricordato che il contagio di Italia e Spagna nel 2011 si è originato proprio a partire dai "problemi di sostenibilità di bilancio".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati