Internet, le star che investono in tecnologia

ROMA. Ha collaborato con Steve Jobs per un iPod speciale targato U2, ha investito in Facebook in tempi non sospetti e ora finanzia anche un'azienda che si occupa di cloud-computing. E' notizia di questi giorni che Bono Vox e The Edge hanno dato 250 mila dollari alla Dropbox, andando così ad alimentare un gruppo nutrito di star, da Justin Timberlake a Lady Gaga, che investe sempre più in start-up tecnologiche. Un settore sempre più al centro dell'attenzione tanto che negli Stati Uniti c'é un reality che si chiama Tech-Stars.    
La notizia dell'ingresso dei due rocker in Dropbox è iniziata a circolare dopo che su Twitter è apparsa una fotografia che ritrae Bono e The Edge in compagnia dei vertici della piattaforma. Lo scatto è stato pubblicato sull'account ufficiale dell'azienda - che conta più di mezzo milione di follower - accompagnato da un messaggio: "Dropbox è felice di dare il benvenuto a Bono & The Edge come investitori. Grazie per il sostegno, restate in contatto per grandi cose!".    
Ma i due non sono le uniche personalità dello showbiz che hanno deciso di investire milioni di dollari nelle startup tech. Justin Timberlake, che nel film The Social Network ha interpretato Sean Parker (era nel team di sviluppatori di Facebook e co-fondatore di Napster) ha investito denaro nel rilancio di MySpace e ha anche messo mano al portafogli per Dekko e Stipple, piattaforme per la condivisione di immagini. Lady Gaga e Kanye West hanno finanziato con 7,5 milioni di dollari Turntable.fm, un sito che permette di andare alla scoperta di musica online e di condividerla con i propri amici e contatti. E miss Germanotta è anche azionista della startup Backplane, specializzata come MySpace nella social music e con Zynga aveva prodotto una variante del gioco Farmville chiamata ovviamente GagaVille. E ancora. MC Hammer, cantante di U Cant' Touch This, che ha da poco compiuto 50 anni, partecipa in WireDoo, motore di ricerca che sforna risultati in relazione tra di loro e prima ha partecipato a Dance Jam.com, sfida di ballo virtuale.    
Anche gli attori amano la Silicon Valley. Ashton Kutcher, che interpreterà il giovane Steve Jobs in un film indipendente, nel 2009 entrò in Skype (poi acquisito da Microsoft) ma anche in FourSquare, social marketing geolocalizzato, in Flipboard, giornale di notizie dai social network, nel motore di ricerca Blekko e in AirbnB, offerta online di camere in alloggi privati. Leonardo di Caprio, invece, ha contribuito per una cifra di quattro milioni di dollari allo sviluppo e al lancio di Mobli, una piattaforma social che consente agli utenti di guardare il mondo attraverso gli occhi di altre persone. E Jessica Alba ha fondato Honest.com, sito di e-commerce per prodotti per bambini, mentre la star di Disney Selena Gomez ha investito nell'applicazione per inviare cartoline da smartphone Postcard on the Run.    
L'attenzione agli investimenti hi-tech è così alta che negli Stati Uniti è nato un reality che si chiama TechStars: in onda su Bloomberg tv, racconta cosa succede alle start-up del settore, chi ha raccolto fondi, chi è crollato. Nel processo di costruzione del business, le aziende sono guidate da nomi di spicco nella tecnologia da Google, Microsoft, Twitter, Foursquare e giudicati in ogni passo del loro cammino. Sul sito del format ci sono, in chiaro, tutte le aziende che hanno partecipato e anche i risultati ottenuti.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati