Le assunzioni nella sanità in Sicilia

Porte aperte ad un esercito di dirigenti e operatori pronti a fare la fila in attesa di una chiamata al lavoro, il più delle volte a tempo determinato, per un totale di un centinaio di posti

PALERMO. Chiamateli elenchi, long list o più semplicemente graduatorie: i concorsi indetti dalle strutture sanitarie dell’Isola apriranno le porte a un esercito di dirigenti e operatori pronti a fare la fila in attesa di una chiamata al lavoro, il più delle volte a tempo determinato, per un totale di un centinaio di posti. Sulla Gazzetta ufficiale della Regione sono stati pubblicati anche tutta una serie di bandi per completare le piante organiche di Asp e ospedali così come previsto dalla riforma della sanità siciliana.



Al Papardo-Piemonte di Messina è stato indetto un concorso per un posto di dirigente amministrativo, ma la graduatoria rimarrà efficace per tre anni sia per la copertura di altri posti sia per l’eventuale assegnazione di incarichi o impedimento del titolare. Stesso discorso al Policlinico di Palermo, dove si attingerà alle graduatorie per incarichi di supplenza o sostituzione di radioterapisti e fisiatri.


A Villa Sofia-Cervello, invece, l’elenco riguarderà direttori di neurologia e chirurgia generale e d’urgenza. E ancora, all’Azienda sanitaria provinciale di Caltanissetta la graduatoria sarà riservata, per rapporti di lavoro temporanei , a dirigenti di gastroenterologia, medicina nucleare, dermatologia o biologia. All’Asp di Palermo, invece, i contratti a tempo riguarderanno dirigenti amministrativi mentre in quella di Trapani saranno incaricati di volta in volta pure dirigenti di cardiologia e chirurgia plastica. Graduatorie in vista anche all’azienda sanitaria di Ragusa, con validità triennale, per il conferimento di incarichi a tempo determinato a tecnici di diverse aree. A Enna, invece, il concorso prevede la mobilità volontaria, regionale ed interregionale, per la copertura di diversi posti di dirigente medico e collaboratore professionale sanitario.
Ma è tempo anche di progetti elaborati dall’assessorato regionale per la Salute.


Ci sono 15 giorni di tempo per partecipare all’iniziativa «L’Ospedale va dal paziente» presso l’ospedale Civico Di Cristina. Il bando è rivolto a pediatri e prevede un compenso di 50 mila euro al lordo per un anno. Stessa cifra è a disposizione di uno psichiatra per un progetto che si svolgerà al Policlinico. A Villa Sofia-Cervello saranno assegnati tre incarichi a tempo determinato di dirigente biologo per la durata di tre anni. All’Asp di Agrigento sono stati riaperti i termini per un incarico a progetto da assegnare a un ingegnere civile e per un’iniziativa sull’autismo, che prevede l’assunzione a tempo di uno psicologo e un terapista della neuro e psicomotricità dell’età evolutiva con compensi di 25 mila e 14 mila euro per un anno. Ma il bando più corposo è stato indetto all’Asp di Siracusa, dove sono in palio 71 posti di operatore socio sanitario e cinque posti per dirigente delle professioni sanitarie. La domanda va presentata entro trenta giorni dalla pubblicazione dell’avvisto sulla Gazzetta, che risale a venerdì scorso.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati