Confindustria, Squinzi presidente Si rafforza la presenza siciliana

Scelto il successore della Marcegaglia, che ha ottenuto l’appoggio degli industriali del Centro-Sud

ROMA. La giunta di Confindustria ha designato presidente Giorgio Squinzi per i quattro anni del dopo-Marcegaglia. Squinzi ha ottenuto l'appoggio degli industriali del Centro-Sud, dunque si rafforza la presenza siciliana tra i vertici.  "La giunta era al gran completo, avevamo 177 presenze su 186 aventi diritto", ha spiegato Marcegaglia. "Come sapete - ha aggiunto - è stata una campagna elettorale molto vivace, hanno fatto competizione due imprenditori straordinari, due campioni del Made in Italy, con grande vocazione internazionale e di grande successo".     
Nei due mesi che mancano all'assemblea privata del 23 maggio  "lavoreremo insieme, ci conosciamo da molto tempo", quindi, ha sottolineato Marcegaglia, "condivideremo le scelte di questi due mesi. C'é la volontà parte di tutti di ricompattarsi, credo che questa sia una buona giornata di rinnovamento per Confindustria".  Squinzi, presidente designato dalla giunta, è nato a Cisano Bergamasco il 18 maggio 1943. Nel 1970, dopo una laurea in chimica industriale, fonda con il padre la Mapei. Il gruppo industriale è il maggior produttore mondiale di adesivi e prodotti chimici per l'edilizia. Impiega 7.500 persone, ha 59 stabilimenti produttivi, 9 in Italia e 50 nel resto del mondo.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati