Palermo, chiude "La Cuba"

Porte chiuse in uno dei pub - ristoranti più famosi della città. Ultima serata questa sera. Licenziata 17 dipendenti

PALERMO. Domani la «Cuba», uno dei pub ristoranti più noti a Palermo, sarà chiusa. Niente aperitivi, feste «in», cene politiche nella villetta ottocentesca in stile arabo-normanno, appartenuta alla storica famiglia Whitaker e immersa nel verde di Villa Sperlinga.  Dopo quindici anni la crisi colpisce anche la Cuba e la conseguenza è che i 17 dipendenti tra a cuochi, barman, camerieri, magazzinieri e fattorini rimangono senza lavoro. «Non sappiamo nulla - dice uno di loro - siamo in balia degli eventi. L'unica certezza è che domani non veniamo a lavorare. Così ci è stato detto sabato scorso e non si sa altro».


Nel 1997 il Comune aveva emesso un bando per l'assegnazione della villetta ottocentesca: il locale nasce sotto la guida di Mario e Simone De Martino, padre e figlio, ma viene poi ceduto alla genovese Boldrinìs di Pierluigi Ferrari che la gestisce fino al 2010, quando la società di Genova cede il locale alla Bi.Sa di Giuseppe Saviano. Ora spetta alla Boldrinìs decidere sul futuro della Cuba, perchè alla società appartiene ancora la licenza del locale e sarà Ferrari ad incontrare i dipendenti nei prossimi giorni.  


Alle 21. 30 di oggi comincerà la serata organizzata in onore del locale «L'ultima Cuba», «con la speranza - dice- l'organizzatore Alessandro Di Dio - che non si tratti di un addio ma solo di un passaggio di testimone, magari ad una nuova cordata di imprenditori»

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati