Appalti a Enna con l'aiuto della mafia, 6 arresti

Fermati anche due imprenitori, uno di Ramacca e l'altro di Isnello, accusati di essere "a disposizione" di Cosa Nostra

ENNA. Sei persone, tra cui due imprenditori, sono state arrestate dalla squadra mobile di Enna nell'ambito di un'operazione antimafia denominata in codice "Nerone 2". L'inchiesta è coordinata dai magistrati della Dda di Caltanissetta che contestano agli indagati i reati di concorso esterno in associazione mafiosa e illecita concorrenza con minaccia e violenza.
Gli imprenditori, uno di Ramacca (Catania) e l'altro di Isnello (Palermo), sono accusati di essere "a disposizione" di Cosa Nostra. I due sarebbero riusciti ad aggiudicarsi alcuni appalti per il rifacimento delle opere di urbanizzazione della zona artigianale di Aidone grazie alle pressioni e alle intimidazioni esercitate da esponenti delle cosche mafiose dell'ennese nei confronti di altre ditte locali.
Due degli altri quattro arrestati sono già stati condannati in primo grado per associazione mafiosa; tre sono attualmente detenuti.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati