Sindrome di Down, 4 giovani impiegati alla Regione

Progetto pilota dell'assessorato alla Salute per l'avviamento al lavoro di tre ragazzi e una ragazza ai quali sono stati affidati compiti di accoglienza e comunicazione

PALERMO. E' operativo il progetto pilota dell'assessorato regionale alla Salute per l'avviamento al lavoro di quattro giovani down (tre ragazzi e una ragazza) ai quali sono stati affidati compiti di accoglienza e comunicazione. Fabiola Carabillò, Francesco Gliubizzi, Giuseppe Lupo e Francesco Arena sono divisi tra le sedi dei due dipartimenti dell'assessorato. Per loro è previsto un impegno di tre ore al giorno, dal lunedì al venerdì.
A seguirli nella loro attività ci sono due tutor, Mauro Burgio e Marcella Rizzo, e una psicologa, Daniela Raineri, messi a disposizione dall'Associazione famiglie persone Down di Palermo.
L'associazione dei familiari, in un incontro avvenuto qualche settimana fa, aveva esposto la necessità di accompagnare l'attività del Centro di riferimento per i Down - istituito con decreto dell'assessore già un anno fa - spiegando come, finita la scuola, per i ragazzi ci sia il rischio di perdere le competenze sociali acquisite perché manca un tessuto che li accolga. "Credo molto in questo progetto - ha commentato l'assessore per la Salute, Massimo Russo - e sono convinto che aprirà la strada ad altre iniziative del genere, magari da estendere ad altre aziende sanitarie dell'isola o ad altri uffici pubblici della Regione. Il progetto sta dando ottimi risultati".
"Riconosciamo all'assessore Russo un diverso modo di affrontare i problemi - ha detto il presidente dell'Associazione famiglie persone Down, Giuseppe Rocca -, noi siamo entrati con una richiesta e ne siamo usciti con una proposta".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati