Ex cartiera Keyes a Fiumefreddo, trovate 500 tonnellate di amianto

CATANIA. La guardia di finanza ha sequestrato l'ex cartiera Keyes a Fiumefreddo di Sicilia, a pochi metri dal litorale di Marina di Cottone: nell'area, che si estende per circa 5 ettari, secondo gli investigatori si trovano circa 500 tonnellate di amianto. Il provvedimento è stato emesso dalla Procura di Catania. Diversi ex operai della ex Siace e della ex Keyes sono deceduti per tumori polmonari, ma, ricordano le Fiamme gialle in una nota, non sono stati collegate le morti alla presenza di amianto. A ex dipendenti l'Inps ha riconosciuto un'indennità di malattia per causa di servizio. La struttura dell'ex Keyes è formata da capannoni coperti da lastre in Eternit, materiale protettivo composto da malta e fibre di amianto. Nel 2002, la Keyes dopo la dichiarazione di fallimento, ha cessato la produzione e il tribunale di Catania ha posto lo stabilimento sotto curatela fallimentare. L'opificio di Marina di Cottone era stato sequestrato, per lo stesso reato ambientale e sempre dalla guardia di finanza, nell'agosto del 2009. Secondo le Fiamme gialle, a tre anni di distanza, dopo la restituzione dell'area al curatore fallimentare, la situazione non è cambiata. Un'ispezione disposta dalla Procura di Catania, ed eseguita anche da tecnici dell'Azienda sanitaria provinciale etnea, avrebbe riscontrato un ulteriore accumulo di materiali pericolosi. In un capannone è sono stati trovati tre grossi silos contenenti sostanze chimiche non ancora identificate.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati