Sciopero tir, tre manifestanti arrestati nel Ragusano

Due di loro hanno inseguito, bloccato e minacciato un collega di Gela che voleva forzare i blocchi. Un episodio simile, ai danni di due automobilisti, si è verificato sulla strada provinciale Comiso-Santa Croce Camerina

RAGUSA. Due manifestanti che hanno dato vita ai blocchi dei giorni scorsi promossi in Sicilia nell'ambito dello sciopero dei Tir sono stati arrestati dalla squadra mobile e dalla polizia stradale di Ragusa con l'accusa di violenza privata ai danni di un autotrasportatore di Gela.
Sono Francesco Tummino, 39 anni, con precedenti per reati contro la persona, e Antonio Cantelli, 63. L'episodio è avvenuto nel presidio di contrada Dicchiara.
L'autista di un tir, che inizialmente contro la sua volontà era stato costretto a fermarsi, approfittando della distrazione dei manifestanti avrebbe cercato di riprendere la marcia verso Catania. Il camionista è stato però inseguito e raggiunto da una autovettura con a bordo Tummino e Cantelli che lo hanno costretto a fermarsi minacciandolo. A quel punto è intervenuta una pattuglia della polizia stradale, avvisata da alcuni automobilisti, che ha bloccato i due aggressori.
La questura di Ragusa ha arrestato inoltre per un episodio analogo anche un altro pregiudicato, Giovanni Vittoria, 38 anni, che con altri presunti complici ancora ignoti nei giorni scorsi si sarebbe reso responsabile di violenza privata e danneggiamento aggravato ai danni di due automobilisti che avevano tentato di forzare i blocchi sulla strada provinciale Comiso-Santa Croce Camerina. Giudicato per direttissima, Vittoria è stato condannato a cinque mesi di reclusione.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati