Agrigento, pizzo ai parcheggiatori: blitz con quattro arresti

Nel mirino presunti esponenti di un clan che operavano a San Leone e nella valle dei templi. Ai posteggiatori imponevano pagamenti tra i 20 e i 50 euro al giorno

AGRIGENTO. I carabinieri del reparto operativo di Agrigento hanno eseguito quattro ordinanze di custodia cautelare in carcere, firmate dal gip Luigi Petrucci del tribunale di Palermo e richieste dal procuratore aggiunto della Dda Vittorio Teresi e dal sostituto Rita Fulantelli, nei confronti dei presunti esponenti di un clan che avrebbe taglieggiato i parcheggiatori di Agrigento. Gli indagati, tutti residenti nel quartiere satellite di Villaseta, sono accusati di estorsione aggravata dal metodo mafioso. Avrebbero chiesto, con minacce di possibili ritorsioni, il pizzo ad alcuni parcheggiatori che operavano nella borgata marinara di San Leone e nella valle dei templi, sul piazzale della rotonda Giunone. L'operazione, per questo motivo, è stata denominata "Parcometro".
Imponevano, secondo l'accusa, il pizzo ai parcheggiatori che lavoravano fra San Leone e la Valle dei Templi, facendosi pagare una cifra che oscillava tra 20 e 50 euro giornalieri, le quattro persone arrestate dai carabinieri con l'accusa di estorsione aggravata dal metodo mafioso.  Le ordinanze di custodia cautelare in carcere richieste dalla Dda, sono state eseguite tra Agrigento e Reggio Emilia. L'inchiesta è stata avviata nel giugno del 2010. All'inizio i quattro indagati - tutti appartenenti secondo gli inquirenti alla famiglia mafiosa di Villaseta - avrebbero preteso il denaro per sostenere gli "amici detenuti". Poi, secondo le indagini, se i posteggiatori non pagavano, arrivavano le minacce. La riscossione del pizzo avveniva direttamente nei piazzali dei parcheggi di San Leone, ma anche nella zona del centro commerciale di Villaseta.  

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati