Niscemi, nuova intimidazione ad associazione antiracket

NISCEMI. Nuova intimidazione ai danni di Franca Pepi, presidente dell'associazione antiracket "Rosario Livatino" di Niscemi in provincia di Caltanissetta. Nei giorni scorsi, ma la notizia è trapelata solo adesso, alcuni sconosciuti hanno lasciato un mazzo di crisantemi ed un cero lungo il muro perimetrale della fabbrica ereditata dal padre, ucciso 22 anni fa per non essersi piegato alle richieste estorsive. All'interno del cortile dello stabilimento sono stati trovati inoltre anche alcuni garofani sparsi in terra. Nel giugno scorso, sempre davanti alla fabbrica, era stato lasciato un sacchetto con un proiettile ed un tappo di sughero. Anche altri dirigenti dell'associazione antiracket in provincia sono stati oggetto di minacce denunciate ai carabinieri che stanno indagando. L'associazione antiracket di Niscei è intitolata al giudice Rosario Livatino, ucciso ad Agrigento il 21 settembre 1990.      

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati