Studentessa ferita in una sparatoria ritorna in Sicilia

CATANIA. «Speriamo che ci siano le condizioni per una ripresa totale». È l'auspicio espresso dal presidente della Regione Siciliana, Raffaele Lombardo, per Laura Salafia la studentessa universitaria rimasta gravemente ferita da una pallottola vagante in una sparatoria che domani tornerà dal centro di riabilitazione di Imola per essere ricoverata nell'unità spinale dell'ospedale Cannizzaro di Catania. «Abbiamo raccolto questo invito, questa sollecitazione che ci veniva da questa studentessa - ha aggiunto il governatore a margine di un convegno del Mpa a Catania - a abbiamo organizzato questo viaggio attraverso l'opera universitaria, l'Ersu di Catania. L'assessore Mario Centorrino, che è andato a trovarla più di una volta, l'accompagnerà e noi la aspetteremo all'aeroporto, credo che è importante farla tornare nel suo ambiente naturale, nella sua città. Lei - ha sottolineato Lombardo - è di Sortino (Siracusa, ndr), ma qui sarà curata con amore e competenza. Tutto questo le potrà molto servire, non solo psicologicamente. Ci auguriamo - ha concluso il presidente della Regione siciliana - che ci possano essere le condizioni per una ripresa totale».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati