Rosa in emergenza, Mangia: "Ma non cerco alibi col Parma"

Tante assenze in attacco e Pinilla sicuro di giocare dal primo minuti, ma il tecnico del Palermo non si nasconde. "Le scuse sono per i perdenti"

PALERMO. La situazione sarebbe da mani nei capelli. Ad assenze si aggiungono altre assenze, specialmente in attacco. Dopo Miccoli e Hernandez, giovedì si è fermato anche Zahavi e per la trasferta di domani sera contro il Parma Devis Mangia, oggi in conferenza stampa a Boccadifalco, deve rinunciare anche a Mantovani acciaccato. Insomma, in caso di ulteriore sconfitta in trasferta al Tardini, la scusa sarebbe servita sul piatto d’argento. Ma il tecnico rosanero queste scuse non le cerca e spiega perché. «Emergenza attacco? A meno che non abbiano cambiato regolamento, posso comunque farne giocare sempre undici, quindi non sono preoccupato. Sono convinto di poter mettere in campo una squadra molto valida. Sono sempre stato abituato a pensare così, se penso di crearmi degli alibi, sarei un perdente prima di cominciare».

Pinilla più dieci, novità Bollino.  E allora dopo Miccoli nella scorsa partita contro la Fiorentina, questa settimana Mangia afferma che la formazione sarà composta da Pinilla più altri dieci. «Con Mauricio cercheremo di sfruttare ed esaltare le sue caratteristiche». La punta cilena, dunque, è l’unico punto fermo in attacco in assenza di alternative. Stesso discorso vale per Ilicic. Mangia sembra comunque intenzionato a dare fiducia anche a Lores, al quale il tecnico potrebbe chiedere di aiutare Balzaretti quando ci sarà da contrastare le discese sulla fascia destra di Biabiany, con un 4-3-2-1 che si può quindi trasformare in un 4-4-1-1 a seconda delle evenienze. Mangia, inoltr, ha deciso di convocare per la prima volta un giocatore della Primavera. Si tratta dell’attaccante Bollino. «Ho lavorato con lui nella prima parte di stagione quando ero alla Primavera. Ho sempre detto che non avrei portato questi ragazzi per tappare dei buchi. Si è presentata questa possibilità e ho deciso di aggregarlo. Non so che spazio potrà avere, per adesso trova posto in aereo».

Parma, non c'è solo Giovinco. Il tecnico del Palermo parla dei suoi avversari e avverte: guai a pensare solo a Giovinco. «Il Parma è una squadra di qualità con un gioco chiaro. Giovinco è un giocatore che ho incontrato quando militava nel settore giovanile della Juve. Ha qualità immense e a Parma ha avuto la possibilità di esprimerle. Attenzione, però, non c’è solo lui. Dobbiamo essere bravi in tutto non dimenticandoci di nulla a prescindere da quale sia lo schieramento con il quale scenderemo in campo.

"Mercato? Non mi interessano i mister X". Infine una battuta sul mercato, dopo le dichiarazioni del presidente Zamparini in settimana che ha anche parlato di un mister X. «Al presidente non ho chiesto nulla. Il mercato non mi interessa in questo momento e quindi non mi interessa sapere chi sia mister x, y o z. Dicesi allenatore colui che allena la squadra che ha a disposizione in un determinato momento».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati