Inchiesta su Lombardo, prima udienza il 14 dicembre

L’ipotesi di reato è voto di scambio. Stralciata la posizione del presidente della Regione e del fratello su mafia, politica e imprenditoria

CATANIA. Rilanciata ieri dalle agenzie la notizia secondo la quale la Procura di Catania, a firma dei procuratori aggiunti Michelangelo Patanè e Carmelo Zuccaro, aveva chiesto l'archiviazione dell'inchiesta per concorso esterno in associazione mafiosa nei confronti del presidente della Regione, Raffaele Lombardo e di suo fratello Angelo, parlamentare nazionale di Mpa. L’inchiesta è relativa all’operazione «Iblis» su mafia, politica e imprenditoria. In una nota diramata dalla Procura, la stessa ha tenuto ha sottolineare che tale richiesta di archiviazione in verità è stata presentata al Gip oltre un mese fa (25 ottobre 2011). Nell’ambito della stessa inchiesta «Iblis», la Procura ha deciso di stralciare le posizioni di Raffaele e Angelo Lombardo, disponendone la citazione a giudizio davanti al giudice monocratico, ipotizzando il reato di voto di scambio. Per tale ipotesi il collegio difensivo del presidente della Regione e del parlamentare di Mpa si era detto sereno, in quanto in grado di dimostrarne nelle opportune sedi l’infondatezza. La prima udienza di questo procedimento è fissata per il 14 dicembre prossimo.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati