Mafia di Borgo Vecchio e Porta Nuova nove condannati a Palermo

L'indagine aveva preso le mosse da una serie di pedinamenti e dalle intercettazioni effettuate in una sale scommesse in via dello Spezio

PALERMO. Il gup di Palermo ha condannato, ieri, nove presunti esponenti della cosca mafiosa di Borgo Vecchio e Porta Nuova accusati a vario titolo di associazione mafiosa, estorsioni e rapine.
Queste le condanne: GREGORIO DI GIOVANNI sette anni di carcere, ANTONINO ABBATE (del 1977) 9 anni e 4 mesi, lo zio OTTAVIO ABBATE e suo figlio ANTONINO ABBATE (del 1981) 4 anni e 2 mesi, così come ALESSANDRO CUTRONA, IGNAZIO DI MARCO 4 anni e dieci mesi, GAETANO PRESTI 5 anni e 6 mesi, FRANCO ARCURI 6 anni e 4 mesi. Assolto GIUSEPPE AUTERI.
L'indagine, come scrive il Giornale di Sicilia, aveva preso le mosse da una serie di pedinamenti e dalle intercettazioni effettuate in una sale scommesse in via dello Spezio, a Borgo Vecchio.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati