"Voto di scambio", chiesti 8 anni per Antinoro

L'eurodeputato del Pid è accusato di avere stretto un accordo elettorale con esponenti mafiosi e di avere acquistato in cambio di una mazzetta di 3 mila euro 60 voti

PALERMO. I pm della Dda di Palermo Gaetano Paci e Lia Sava, hanno chiesto la condanna a 8 anni di carcere, per voto di scambio, dell'eurodeputato del Pid Antonello Antinoro.
Il processo, celebrato col rito immediato, si svolge davanti alla terza sezione del tribunale presieduta da Fabrizio La Cascia. Antinoro è accusato di avere stretto un accordo elettorale con esponenti mafiosi e di avere acquistato in cambio di una mazzetta di 3 mila euro 60 voti. Contro l'eurodeputato anche le dichiarazioni di due collaboratori di giustizia: Michele Visita e Manuel Pasta.
L'imputato si è sempre difeso, ammettendo di avere incontrato Visita, ma sostenendo di avere pagato solo per servizi di attacchinaggio durante la campagna elettorale. Il processo è stato rinviato al 2 dicembre per l'inizio delle arringhe difensive.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati