Contrada, dichiarata inammissibile la revisione del processo

La seconda corte d'appello di Caltanissetta ha rigettato la richiesta. L'ex funzionario del Sisde è stato condannato a 10 anni

CALTANISSETTA. La seconda corte d'appello di Caltanissetta ha rigettato dichiarandola inammissibile la richiesta di revisione del processo a Bruno Contrada, condannato a 10 anni per concorso esterno in associazione mafiosa. I giudici si sono riservati 90 giorni per il deposito delle motivazioni della sentenza.
"Faremo immediato ricorso in Cassazione". Lo ha annunciato l'avvocato Giuseppe Lipera, subito dopo la lettura della sentenza con cui la II Corte d'appello di Caltanissetta ha dichiarato inammissibile il ricorso per la revisione del processo di Bruno Contrada.
"E' stata una decisione difficile anche per i giudici - ha aggiunto il penalista - visto che si sono riservati 90 giorni per il deposito delle motivazioni. Ma noi faremo certamente
ricorso in Cassazione, perché qui, a parte l'onore, il prestigio e l'innocenza di Contrada, c'é di mezzo l'interpretazione delle leggi, questa sentenza è inaccettabile".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati