Palermo, ancora raid vandalici nelle scuole: ripresi dalle telecamere

I ragazzi sono stati individuati dal servizio di videosorveglianza all'interno dell'istituto commerciale Libero Grassi. Hanno svuotato gli estintori nei corridoi, probabilmente per allungare le vacanze per il ponte di Ognissanti. La scientifica starebbe cercando di risalire alle loro identità

PALERMO. Stavolta le telecamere hanno ripreso l'assalto. Si vedono distintamente i ragazzi che scavalcano la ringhiera ed entrano nell'istituto. Quello che succede all'interno del Commerciale Libero Grassi in via del Fante, lo hanno scoperto l'indomani i bidelli non appena hanno aperto il portone d'ingresso. La schiuma degli estintori era ovunque. I vandali li hanno svuotati nei corridoi, nelle aule, secondo una tecnica utilizzata in altri istituti superiori. Un raid per mettere fuori uso la scuola e allungare le vacanze il lungo ponte di Ognissanti. Sono entrati in azione così gli operai della ditta specializzata e hanno iniziato la pulizia del plesso che andrà avanti per due, tre giorni. Il tempo di spirare e togliere dal pavimento le pericolose polveri sottili.



Stavolta, però, il raid è stato filmato. Il preside Giuseppe Li Vigni ha preso il file dall'hard-disk e lo ha portato alla polizia. La scientifica starebbe cercando di risalire alle identità di quanti hanno svuotato gli estintori all'interno dell'istituto commerciale. «Si vedevano i ragazzi che scavalcavano - racconta un collaboratore scolastico -. Almeno stavolta nelle immagini qualcosa si vede». Se si riuscirà a risalire all'identità dei bulli lo si saprà nei prossimi giorni.
Stessa scena anche al liceo classico Giovanni Meli in via Salvatore Aldisio. Anche in questo caso alcuni vandali hanno fatto irruzione all'interno dell'istituto allagando la palestra e svuotando gli estintori nell'agorà e nelle classi. Anche in questo caso il preside Salvo Chiaromonte ha chiuso l'istituto per almeno un paio di giorni. Poi scatterà il periodo di vacanza e così per gli alunni già da ieri è iniziato un lunghissimo ponte. Salgono così a dieci le scuole prese di mira negli ultimi giorni a Palermo. Una vera escalation che ha interessato sia le scuole elementari, che medie che i superiori.



Uno degli ultimi colpi è stato denunciato in diretta a Ditelo a Rgs nel corso della trasmissione. Nella notte una banda di teppisti ladruncoli ha preso di mira il plesso Diaz vecchio, in via Regina Maria di Sicilia, a pochi passi dalla zona industriale di Brancaccio. E questa volta la voglia distruttrice si è scatenata contro gli armadietti dei bambini della scuola dell'infanzia, che ieri sono rimasti dietro al portone. I teppisti erano entrati anche alla centrale Cavallari di corso dei Mille e avevano continuato la razzia nel plesso Giafar, chiuso da anni per una ristrutturazione senza fine. All'elementare Ingrassia hanno fatto irruzione tre volte. Solo nello scorso fine settimana altre tre incursioni sono state registrate all'istituto superiore Ettore Majorana di San Lorenzo.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati