Fp Cgil: vigili del fuoco di Catania allo stremo

CATANIA. "Il bilancio del Corpo Nazionale dei Vigili del fuoco è già allo stremo e non è la prima volta che lo diciamo: nella città di Catania siamo presenti soltanto con due squadre. Sfidiamo chiunque a coordinare adeguatamente le normali esigenze di soccorso di una città considerandole anche solo in termini di tempo ed efficacia". A segnalare le "gravi difficoltà" del Corpo è la Funzione pubblica Cgil di Catania  con una nota a firma del Coordinamento Fp Cgil dei vigili del fuoco catanesi. Nel documento le condizioni vengono definite "insostenibili" e si fa riferimento a "mezzi e attrezzature vecchi e malridotti, formazione inesistente, carenza di qualificati; nessuna possibilità di un recupero psicofisico adeguato per gli operatori; personale sempre sotto pressione da un lavoro incessante e continuo, costretto a tappare buchi, oltre che nella normale routine, anche nelle varie emergenze stagionali e straordinarie".
I vigili del fuoco si augurano che "i colleghi precari possano essere stabilizzati in via definitiva con la riapertura di vecchie e nuove graduatorie, provvedimento che consentirebbe al Corpo di avere in tempi brevi linfa vitale per adeguati avvicendamenti e passaggi di qualifica".
"I tagli - affermano il segretario generale Gaetano Agliozzo e il segretario provinciale Santi Armando Garufi - colpiscono in prima persona i lavoratori e la pelle stessa dei cittadini. Il sindacato non sarà mai stanco di sottolineare che, se ci sono spese da eliminare, da decurtare ci sono quelle della politica e della casta in genere. I lavoratori, i precari, i pensionati, sono stanchi di pagare".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati