Imprese giovanili e femminili, via agli incentivi

Chiusa l'intesa tra Stato e governo regionale. L'assessore Armao: è uno strumento che si aggiunge al credito d'imposta

PALERMO. Via libera agli incentivi fiscali a favore delle imprese giovanili e femminili. È stata chiusa l'intesa tra Stato e governo regionale per spianare la strada all'attuazione della legge approvata a luglio dall'Ars che stabilisce che i giovani, compresi tra 18 e 40 anni e le donne che hanno aperto un'impresa nel 2011 o che daranno vita ad una iniziativa imprenditoriale nel 2012 sono esenti dall'imposta regionale sulle attività produttive (Irap) per cinque anni, a partire da quello in cui si avvia l'attività. Il ministero dell'Economia e la Regione hanno raggiunto, infatti, l'accordo sul testo del decreto del presidente del Consiglio dei Ministri, di prossima emanazione, che permetterà che le agevolazioni possano diventare concrete. Il quinto comma della legge prevede, inoltre, che gli sgravi si applicano anche alle cooperative giovanili che gestiscono aziende ed immobili confiscati alla mafia.
A beneficiarne saranno le aziende con sede legale, amministrativa e operativa in Sicilia. Soddisfatto l'assessore regionale all'Economia, Gaetano Armao: «Si tratta di uno strumento che si aggiunge al credito d'imposta e che permette di fornire ai giovani e alle donne di Sicilia un più facile accesso al mondo produttivo. Il governo regionale punta sugli investimenti e sulla crescita per reagire alla crisi economica. In questo modo si potrà sostenere l'economia siciliana anche attraverso questa forma trasparente e concreta di fiscalità di vantaggio, cumulabile con il credito d'imposta».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati