Palermo, arriva il presidente Napolitano

Il capo dello Stato in visita nel capoluogo fino a venerdì. Primo appuntamento con Francesco Cascio per un incontro privato e poi in sala d'Ercole per partecipare al dibattito su Giuseppe La Loggia

PALERMO. Tra mitologici centauri, leopardi, pavoni, cervi e cigni disegnati da raffinati mosaici avverrà il breve incontro privato tra il presidente della Repubblica  Giorgio Napolitano  e il presidente del Parlamento siciliano, Francesco Cascio: nella Torre Pisana di Palazzo dei Normanni, dove re Ruggero aveva "una stanza tutta per sé". Pochi scambi di battute, poi il trasferimento in Sala d'Ercole per un dibattito - non agitato come quelli che solitamente ospita la Sala - attorno alla figura di Giuseppe La Loggia, ex presidente della Regione siciliana. Di lui parlerà, di fronte a una nutrita schiera di autorità locali e regionali, chi quel periodo di fine anni Cinquanta l'ha vissuto in prima persona, dall'ex segretario dell'Assemblea regionale, Aldo Scimè all'ex presidente della Regione, Mario Fasino, e, ovviamente, dal figlio di la Loggia, Enrico, coordinati dal condirettore del "Giornale di Sicilia", Giovanni Pepi. Non potrà uscire dall'Ars a mani vuote, il presidente: ecco che gli sarà donato un volume che documenta le iniziative portate avanti dall'Assemblea regionale siciliana in occasione dei 150 anni dell'Unità d'Italia e del 64^ anniversario dalla prima seduta del Parlamento siciliano. Per il presidente Cascio "è motivo d'orgoglio la visita del presidente della Repubblica in questo antico Parlamento, soprattutto in un momento in cui in tutta Italia si rievoca il sentimento di unità nazionale, e noi commemoriamo il centenario della nascita di Giuseppe La Loggia, figura di rilievo della nostra autonomia". Enrico La Loggia si soffermerà sullo Statuto: "Credo che sia indispensabile un rilancio forte dei poteri che lo statuto accorda alla Sicilia, per farne uno strumento prezioso di rilancio. Il Trentino Alto Adige, Regione a statuto speciale come noi, ha conquistato le tre A delle agenzie di rating, dimostrando che lo strumento dell'autonomia funziona, a patto che ci siano operari che lo sappiano utilizzare". La Loggia annuncerà anche la costituzione dell'associazione Centro Studi Giuseppe La Loggia, presieduta dall'ambasciatore Paolo Pucci, che assegnerà tre borse di studi alle migliori tesi sull'autonomia.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati