Un immigrato annega a Licata

Il venticinquenne, Kwwabena Tuffour, originario del Ghana, era assieme ad un'altra decina di connazionali e a cinque volontari della comunità, gestita da don Gaspare Di Vincenzo, quando è stato trovato senza vita sul fondale. Poco prima si era immerso per ammirare i pesci

LICATA. Un immigrato, ospite di una comunità d'accoglienza per richiedenti permesso umanitario, è annegato nelle acque antistanti la spiaggia di Marianello a Licata. Il venticinquenne, Kwwabena Tuffour, originario del Ghana, era assieme ad un'altra decina di connazionali e a cinque volontari della comunità, gestita da don Gaspare Di Vincenzo, quando è stato trovato senza vita sul fondale. Poco prima si era immerso per ammirare i pesci. Nelle acque antistanti a contrada Pisciotto è, invece, stato salvato un cinquantenne che rischiava di annegare. Dopo un primo ricovero all'ospedale "San Giacomo d'Altopasso", l'uomo è stato trasferito, visto che era in gravi condizioni, nella Rianimazione del "Vittorio Emanuele" di Gela (Cl).

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati