Alga tossica, Russo: "Situazione sotto controllo"

L'assessore regionale per la Salute tranquillizza i cittadini dopo i "fenomeni" registrati soprattutto in alcuni litorali della costa palermitana, tra cui Vergine Maria, Arenella ed il tratto di costa tra i Comuni di Isola delle Femmine e Capaci. "Attivate tutte le procedure del caso, non ci saranno problemi"

PALERMO. Rientra l'allarme alga tossica tra Isola delle Femmine e Capaci dove sono stati rimossi i divieti di balneazione. Intanto, l'assessore regionale per la Salute Massimo Russo tranquillizza i cittadini dopo i "fenomeni" registrati soprattutto in alcuni litorali della costa palermitana (Vergine Maria, Arenella ed il tratto di costa tra i Comuni di Isola delle Femmine e Capaci).   "La situazione sanitaria determinata dall'alga tossica è assolutamente sotto controllo e dagli ultimi dati pervenuti ai nostri uffici competenti si evince che il fenomeno è in netta diminuzione".

E ancora:"Abbiamo attivato tutte le procedure previste in questi casi - continua Russo - attraverso un sistema di sorveglianza sindromica e un programma di monitoraggio ricognitivo-analitico che rientra nelle competenze dell'Arpa. Continueremo a monitorare la situazione insieme agli uffici competenti dell'assessorato regionale Territorio e Ambiente che ha convocato un tavolo tecnico regionale per la prossima settimana". L'assessorato regionale per la Salute, che ha il compito di controllare quotidianamente i report inviati dall'Arpa e di far rispettare i divieti di balneazione di competenza dei Comuni, ha provveduto a pubblicare sul sito della Regione siciliana (www.pir.regione.sicilia.it, all'indirizzo http://pti.regione.sicilia.it/portal/pls/portal/docs/10732691.PD F) un opuscolo informativo di facile consultazione per comprendere come identificare il fenomeno, quali precauzioni prendere e come comportarsi in caso di disturbi fisici.   


In particolare, i soggetti che hanno stazionato nei luoghi di balneazione interessati al fenomeno o nei luoghi prospicienti, possono accusare febbre, tosse, rinorrea, sensazioni di nausea, vomito o lacrimazione congiuntivale: i sintomi si presentano dopo alcune ore dall'esposizione (2-6 ore circa) e regrediscono, di norma dopo 24-48 ore, senza ulteriori complicazioni. I disturbi possono essere provocati sia da contatto diretto con l'alga che per inalazione del cosiddetto "aerosol marino". E' stato accertato che sono sufficienti spostamenti di alcune decine di metri per attenuare o eliminare del tutto i malesseri, tuttavia in caso di persistenza dei disturbi si suggerisce di consultare il proprio medico di famiglia o di recarsi nella più vicina guardia medica. La raccomandazione vale in particolare per i soggetti affetti da disturbi respiratori come l'asma o allergici.    Sul sito dell'assessorato per la Salute sono anche pubblicati alcuni numeri telefonici utili per ottenere ulteriori informazioni.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati