Bancarotta fraudolenta, due arresti nel Messinese

MILAZZO. La guardia di finanza ha eseguito a Milazzo, nel Messinese, due misure di custodia cautelare, una in carcere per Antonio Starvaggi, 42 anni, e una ai domiciliari per Salvatore Cataudo 47 anni, con l'accusa di concorso in bancarotta fraudolenta.
Le indagini dei militari sono iniziate dopo aver scoperto che alcune società operanti nel settore della vendita all'ingrosso e dettaglio del pesce congelato aprivano e chiudevano in poco tempo, omettendo di presentare le dichiarazioni dei redditi. I due arrestati, rappresentanti di alcune di queste ditte, risultavano nullatenenti, senza lavoro e senza redditi, ma sulla carta in grado di acquistare quote sociali e gestire società con volume di affari di oltre 300 mila euro annui. Le società avrebbero anche  occultato scritture contabili, sottraendo ad imposizione ricavi per quasi 1 milione di euro ed iva per circa 200 mila euro. Le fiamme gialle e la Procura di Messina, hanno chiesto anche il fallimento della "Iceberg" srl, il cui amministratore delegato è Starvaggi, avendo constatato la distrazione totale della società di beni mobili e immobili. Secondo i finanzieri queste società prima si imponevano sul mercato a discapito della libera concorrenza, potendo permettersi prezzi più bassi, e poi cessavano la loro attività nel momento in cui si accumulavano debiti da pagare, in danno all'erario ed ai contribuenti.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati