Immigrazione, rivolta nel centro di Pantelleria

Gesti di autolesionismo tra i tunisini, in sei si sono feriti al torace e alle braccia con le bottiglie: chiedono di essere trasferiti a Trapani

PANTELLERIA. Un principio di rivolta, con lanci in aria di bottiglie, si è registrato ieri sera all'ex caserma Barone di Pantelleria dove sono ospitati, in padiglioni diversi, una sessantina di migranti tunisini, tra cui una donna e una decina di minorenni. Sei adulti, poi trasferiti all'ospedale "Bernardo Nagar", hanno attuato gesti di autolesionismo e si sono feriti al torace e alle braccia con le bottiglie. Gli immigrati arrivati sull'isola tra il 27 e il 28 maggio scorsi, chiedono di essere trasferiti a Trapani. La protesta è stata subito sedata dai carabinieri e dai finanzieri attualmente in servizio di vigilanza sul posto. Cinque tunisini ieri erano stati arrestati dalla Guardia di Finanza perché a loro carico è risultato un decreto di espulsione dal territorio italiano non ottemperato.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati