Mafia, Graviano ha scontato la pena: torna libero

Il fratello maggiore dei boss all'ergastolo del quartiere Brancaccio, Giuseppe e Filippo, accusati anche di essere i mandanti del delitto di padre Pino Puglisi, da alcuni giorni è sottoposto soltanto alla misura della libertà vigilata

PALERMO. Ha scontato la pena alla quale era stato condannato per mafia ed ora è ritornato in libertà Benedetto Graviano, fratello maggiore dei boss all'ergastolo del quartiere Brancaccio, Giuseppe e Filippo, accusati anche di essere i mandanti del delitto di padre Pino Puglisi.     Da alcuni giorni è sottoposto soltanto alla misura della libertà vigilata. Secondo il pentito Salvatore Cancemi sarebbe stato designato agli inizi degli anni '80 da Toto' Riina al vertice del mandamento. Poi sarebbe stato sostituito dai fratelli. Benedetto Graviano attende ancora la sentenza per un processo in cui è imputato per estorsione aggravata e favoreggiamento a cosa nostra. In passato era stato prosciolto dall'accusa di riciclaggio.  Al cronista del Giornale di Sicilia che lo ha incontrato in tribunale dove avrebbe dovuto deporre in un processo ha detto "Ho sofferto tanto, ora voglio essere dimenticato".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati