Regione, in arrivo nuovi esperti: in 3000 pronti a lavorare

Il Dipartimento della programmazione ha selezionato 17 tecnici per i progetti con Malta che saranno finanziati con i fondi europei di Agenda 2007

PALERMO. Si occuperanno di valutare i progetti di partenariato con Malta che la Regione finanzierà con i fondi europei di Agenda 2007. Un’occasione di lavoro che hanno provato a sfruttare in 180 e che si materializza subito per 17 esperti selezionati qualche giorno fa dal dipartimento Programmazione guidato da Felice Bonanno.



Ecco l’ultima long list che ha preso forma alla Regione. Un lungo elenco di esperti che spera di ottenere l’incarico di valutare pratiche che gli assessorati non riescono a smaltire in autonomia o che non possono elaborare perchè non hanno al loro interno le competenze tecniche necessarie. D’altro canto però la possibilità di essere chiamati a lavorare per la Regione è diventata un business a cui aspirano già in tremila. Tanti sono i nomi di aspiranti consulenti, valutatori ed esperti in genere che sono già iscritti nella tante long list già fatte, per esempio, dall’assessorato all’Agricoltura, dal dipartimento Ambiente, dagli uffici della Pesca e dall’assessorato alla Formazione. Un esercito in corsa per conquistare gettoni (collegati al numero di pratiche da esaminare) che possono valere migliaia di euro.



L’ultima long list, quella della Programmazione, è stata bandita nel dicembre scorso: sono arrivate circa 180 richieste da parte di altrettanti esperti che volevano farvi parte ma solo una novantina aveva i requisiti necessari. Nei giorni scorsi il dipartimento guidato da Felice Bonanno ha effettuato la prima selezione, a sorteggio, di 17 esperti che saranno chiamati a esaminare altrettanti progetti di partenariato con Malta. I valutatori percepiranno un compenso che non può superare il 2% del valore dei progetti da esaminare. La Regione ha stanziato 15 milioni per il primo bando che riguardava il partenariato con Malta: vi hanno aderito enti pubblici e privati. Il bando risale al 2010 e c’è voluto quasi un anno e mezzo per arrivare alla fase della valutazione dei progetti.
Un secondo bando - e dunque una seconda opportunità per i valutatori iscritti alla long list della Programmazione - dovrebbe arrivare nei prossimi mesi, quando verrà pubblicato un altro bando per il partenariato con Malta.



All’affidamento all’esterno della valutazione delle pratiche che riguarda i fondi europei di Agenda 2007 ha fatto ricorso recentemente anche il dipartimento Attività produttive, che ha creato una long list di 208 persone. Mentre più in generale la società partecipata Sviluppo Italia Sicilia ha creato una long list per individuare un bacino di eventuali collaboratori esterni. Le procedure non sempre vanno a buon fine. L’assessorato alla Formazione ha affidato da quasi due anni a un gruppo di valutatori esterni le domande di aziende private per accedere ai finanziamenti europei che avrebbero permesso di attivare alcune migliaia di tirocini formativi. Ma le graduatorie stilate non hanno superato l’esame della Corte dei Conti e proprio in questi giorni l’assessorato sta prendendo in considerazione la possibilità di ripartire da capo. A rischio ci sono almeno 500 milioni (destinati appunto agli avvisi 7, 8 e 12) che vanno spesi entro fine anno, pena la restituzione a Bruxelles.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati