Beni confiscati danneggiati nel Palermitano

PALERMO. "Noi non ci arrendiamo Dacci una mano" questo è lo slogan lanciato dall'Associazione Aurora Onlus, nel corso della conferenza stampa, organizzata dal Comune di Monreale e dal Consorzio Sviluppo e Legalità, per denunciare gli atti di vandalismo ai danni di una villa in contrada Piano dell'Occhio confiscata al boss Gaetano Sansone  che due mesi fa era stata assegnata all'associazione per finalità sociali.    Il vicesindaco Salvino Caputo,  il presidente del Consorzio Salvatore Graffato e il presidente dell'Associazione Aurora Onlus Ivana Calabrese hanno lamentato che "i beni confiscati e già assegnati, molto speso vengono vandalizzati dagli stessi ex proprietari che non si rassegnano a perderli".     "Questo ultimo atto intimidatorio nei confronti dell'Aurora Onlus, ha ritardato l'apertura dell'attività sociale prevista per l'inizio di giugno, - hanno affermato - che avrebbe coinvolto un gruppo di ragazzi disabili ed i loro genitori in una serie di attività ludico-ricreative. "Negli ultimi mesi molti beni confiscati alla mafia, che erano stati assegnati a cooperative sociali e imprenditoriali - ha detto Caputo - dal Comune, sono stati presi di mira e danneggiati. Ma il nostro impegno sarà sempre più forte e determinato".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati