Migranti salvati in mare tragedia sfiorata a Lampedusa

Erano circa 500 gli extracomunitari a bordo di un barcone che si è incagliato nei pressi del porto. In acqua anche donne e bambini. In un'altra imbarcazione ottocento immigrati

ROMA. Sarebbero stati tutti salvati i migranti che si trovavano a bordo del barcone incagliatosi a ridosso del porto di Lampedusa: circa 500 gli extracomunitari salvati. Tutti, compresi donne e bambini, si erano gettati in mare, ma tutti quanti - riferiscono al Comando generale delle Capitanerie di Porto - sarebbero stati tratti in salvo. Sono tuttavia ancora in corso le ricerche di eventuali dispersi.
L'imbarcazione, preceduta da una motovedetta della Guardia di Finanza, avrebbe compiuto uno scarto di rotta proprio quando era a ridosso del porto, finendo sugli scogli. A bordo c'é stato il panico e molti si sono buttati in mare.
I soccorsi sono scattati immediatamente, sia da mare che da terra: tra l'altro, a poca distanza, erano ancora in corso le operazioni di assistenza degli 800 immigrati arrivati poco prima con un altro barcone e tutti quelli che si trovavano sul molo (cittadini e giornalisti compresi) sono intervenuti in soccorso dei migranti finiti in acqua. Alla fine tutti sarebbero stati tratti in salvo, anche se la certezza si avrà solo nelle prossime ore.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati