Mafia, peggiora la salute del fratello del boss Santapaola

CATANIA. "Le condizioni psichiatriche di Antonino Santapaola, 56 anni, affetto da schizofrenia paranoide cronica associata a debolezza mentale con in atto depressione
ansiosa, sembrano passare in secondo piano rispetto alle condizioni cliniche generali di salute". Lo afferma il professore Carlo Rossitto, medico legale incaricato dalla quarta
sezione del Tribunale di Catania di redigere una perizia clinica sul fratello del boss Antonino Santapaola.
I suoi legali, gli avvocati Giuseppe Lipera e Grazia Coco, hanno chiesto ai giudici di trasferire l'imputato dall'ospedale psichiatrico giudiziario di Reggio Emilia dove Antonino
Santapaola, in carcere da 11 anni per associazione mafiosa, si trova ricoverato in regime di 41bis, in un Centro diagnostico terapeutico per "essere adeguatamente monitorato e curato". "Antonino Santapaola - affermano i suoi legali - è dismesso e mostra chiari segni di aggravamento della sofferenza fisica e psichica. Peraltro, da un recente esame ecodoppler, eseguito il mese scorso, si è rilevato una 'sindrome post trombotica dell'arto inferiore sinistro con insufficienza valvolare della vena femorale superficiale e popliteà, a conferma delle sue scadenti condizioni di salute".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati