Motonave italiana sequestrata dai pirati

L’imbarcazione attaccata la scorsa notte in pieno mare Arabico. A bordo 22 uomini tra cui sei italiani

ROMA. Attaccata e sequestrata dai pirati in pieno mare Arabico, la motonave italiana "Rosalia D'Amato". A bordo 22 uomini di equipaggio, di cui sei italiani.

Oggi l'imbarcazione prosegue la sua navigazione verso le coste somale, secondo quanto si è appreso. Sulle sue tracce si è subito messa una nave della Marina militare italiana, che al momento del rapimento era però a circa mille miglia di distanza.

I fatti si sono verificati quando la motonave - partita dal Brasile e diretta in Iran - si trovava nel mare Arabico a circa 400 miglia dalle coste dell'Oman. Due barchini si sono avvicinati con a bordo dei pirati che,  si sono impossessati della nave italiana: tutto sarebbe avvenuto senza sparare; nessuna conseguenza per l'equipaggio.
La motonave "Rosalia D'Amato” è della società armatrice di Napoli "Fratelli D'Amato", la stessa proprietaria della petroliera Savina Caylyn, anch'essa caduta nelle mani dei pirati. Quest'ultima nave, un bestione da 105 mila tonnellate, con 22 persone a bordo, 5 italiani e 17 indiani, venne attaccata e sequestrata l'8 febbraio scorso quando si trovava in pieno Oceano Indiano.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati