"Morto per asfalto danneggiato", 4 indagati a Messina

MESSINA. Il sostituto procuratore di Messina Adriana Sciglio ha inviato quattro avvisi di chiusura indagini per la morte di Fabio Bonaccorso, 29 anni, che, secondo l'ipotesi dell'accusa, sarebbe deceduto in un incidente stradale con la sua moto per il cattivo stato del manto stradale.
Sono indagati, per omicidio colposo, gli ingegneri Mario Pizzino, responsabile del dipartimento Manutenzione strade del Comune di Messina, e Costanzo Chiattilla dirigente della stesso dipartimento. Per l'ingegnere Pizzino è ipotizzato anche il reato di false dichiarazioni.
Il reato di omissione è stato invece ipotizzato per Antonino Giannetto e Santino Bartolotta, rispettivamente legale rappresentante e responsabile del servizio tecnico della Cea, l'impresa che aveva in appalto il servizio di manutenzione delle strade cittadine. Secondo la Procura l'incidente sarebbe avvenuto per le condizioni della strada: sul luogo dell'incidente fu trovato un tombino con un avvallamento di cinque centimetri dal livello stradale.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati