Raffa (Cisl Fnp): “Non servono le parole ai convegni, occorre una legge”

PALERMO. “Non ci vuole pietà per gli anziani in Sicilia, né annunci di interventi per migliorare la qualità della vita degli over 64. Occorrono norme. La Regione deve dialogare con i sindacati e aprire un tavolo di lavoro che possa finalmente portare a recepire la legge 328 in Sicilia, che prevede un sistema integrato di servizi socio-sanitari”. Così Carmelo Raffa, segretario regionale della Cisl pensionati in Sicilia, commenta l’annuncio del piano della Regione per la qualità della vita degli anziani dell’Isola, presentato questa mattina a Palermo.
“Da tempo chiediamo agli assessori regionali di sederci attorno a un tavolo e far sì che possa essere recepita in Sicilia la legge 328 del 2000, la cui assenza – spiega Raffa – determina la mancanza di protezione sociale per gli anziani dell’Isola, che conta una massa critica di 170 mila non autosufficienti”. “Non basta affermare – aggiunge il segretario regionale della Cisl pensionati – che per la popolazione ultra 64enne, viene impegnato circa il 65% delle risorse del Fondo sanitario, più della metà dei ricoveri ospedalieri e circa il 70% della spesa farmaceutica. Non possiamo limitarci ai numeri o a promesse che di certo non si realizzano attraverso i convegni. Ci sono i sindacati, con i quali bisogna confrontarsi, agire e fare le leggi”. 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati