Pozzallo, indagati il sindaco ed altre 11 persone

POZZALLO. Bilanci comunali che attestano recuperi di Ici evasa che non sarebbero quelli reali: sono valsi al sindaco di Pozzallo, Giuseppe Sulsenti, a quattro assessori e ad altri sette tra politici e dirigenti l'accusa di falsità ideologica continuata e aggravata.    I dodici avvisi di garanzia emessi dal procuratore della Repubblica di Modica, Francesco Puleio, ipotizzano che abbiano indicato nel bilancio consuntivo relativo all'esercizio finanziario 2008 entrate tributarie accertate, derivanti da recupero di evasione Ici per gli anni 2003-2004, per 1,9 milioni di euro, importo non corrispondente a quello reale, secondo quanto riferisce la guardia di finanza. Stesso discorso per il bilancio relativo all'anno finanziario 2009, nel quale erano previsti recuperi Ici dal 2005 al 2008 per 2.300.000 euro, non corrispondenti, secondo la guardia di finanza, a quelli reali, che secondo gli investigatori ammontavano a 1.624.742,90 euro.    Oltre al primo cittadino, gli indagati sono Salvatore Candiano, Carmelo Di Stefano, Guglielmo Puzzo e Attilio Sigona, che sono i quattro assessori, inoltre Anita Inì, Salvatore Barrera e Chiara Iozzia, presidente e componenti del consiglio dei Revisori dei Conti, Giovanni Gambuzza, dirigente del servizio tributario dell'ente, Giovanni Modica, dirigente del servizio finanziario, Ilenia Caruso e Rosaria Cugno, quali assessori all'epoca della delibera del 2009.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati