Trapani, tentato stupro: arrestato un tunisino

In manette è finito Ahmed Hefiad di 30 anni, ospite del centro di accoglienza per richiedenti asilo politico, di contrada Salinagrande. Ad incastrarlo è stata l'impronta lasciata dalla sua scarpa da ginnastica sulla sabbia

TRAPANI. Ad incastrarlo è stata l'impronta lasciata dalla sua scarpa da ginnastica sulla sabbia. I carabinieri di Trapani l'hanno rilevata, accanto a quella della vittima, sulla spiaggia dove sarebbe stata commessa la violenza sessuale. E così per il tunisino è scattato l'arresto, a conclusione di una indagine-lampo. In manette è finito Ahmed Hefiad di 30 anni, ospite del centro di accoglienza per richiedenti asilo politico, di contrada Salinagrande.   


Sarebbe stato lui ad abusare, lo scorso lunedì sera, della donna di 31 anni, originaria di Agrigento e residente a Roma, funzionario del Consip (società per azioni del ministero dell'Economia e delle Finanze) che si trovava a Trapani per motivi di lavoro.    La donna lo ha riconosciuto. "Sì. E' lui", avrebbe detto agli investigatori durante il confronto all'americana. Da dietro un vetro le hanno fatto vedere il tunisino, assieme ad altri due connazionali, e lei non ha avuto alcuna esitazione. L'uomo adesso si trova rinchiuso nelle carceri di San Giuliano, accusato di violenza sessuale.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati