Palermo, aggredì il controllore del bus, giovane a giudizio

PALERMO. Il controllore dell'Amat, l'azienda che si occupa del trasporto pubblico a Palermo, gli aveva chiesto il biglietto, ma Federico Taormina, 20 anni, lo aggredì, spingendolo per poi scendere dal bus e tentare di spaccare i finestrini con un bastone. Non riuscendoci, Taormina aveva inseguito l'autobus 210 e aveva rotto il parabrezza riuscendoci con uno dei tergicristalli. Adesso Taormina, rinviato a giudizio su richiesta del pm Gianluca De Leo, dovrà rispondere davanti alla quarta sezione del Tribunale di Palermo di resistenza a incaricato di pubblico servizio e danneggiamento aggravato. Nei giorni scorsi un altro verificatore dell'Amat è stato colpito con un pugno che gli ha rotto il naso da un passeggero che ha risposto così alla richiesta di esibire il biglietto. L'aggressione è avvenuta a bordo della linea 615, in viale Strasburgo. L'aggressore è poi fuggito.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati