Istigazione a odio razziale: indagato sindaco di Lampedusa

L’inchiesta aperta per l'ordinanza che punisce "l'accattonaggio e comportamenti non decorosi". De Rubeis: “Qui siamo accoglienti, il provvedimento vale per tutti”

LAMPEDUSA. Scivola di nuovo su un'accusa di razzismo il sindaco delle Pelagie, Bernardino De Rubeis, che è indagato dalla procura agrigentina per istigazione all'odio razziale e abuso di autorità. L'inchiesta è stata aperta dopo che ha emesso l'ordinanza che punisce "l'accattonaggio e comportamenti non decorosi" e impone il divieto di utilizzare i luoghi pubblici "come siti di bivacco e deiezione". Iniziativa che De Rubeis ha preso dopo che i lampedusani hanno espresso timore perché i migranti che circolano sull'isola, in attesa di essere spostati (oggi ne sono stati trasferiti 200 e a Lampedusa ne rimangono circa 300) importunerebbero le donne, chiederebbero soldi ai passanti e userebbero le strade come wc.     Nel 2009 De Rubeis venne processato per diffusione di idee che incitano alla superiorità razziale: in un'intervista che aveva rilasciato a un quotidiano era scritto che lui aveva affermato: "Non voglio essere razzista, ma la carne dei negri puzza anche quando è lavata". Il sindaco venne assolto perché il fatto non sussiste. Non è stato dimostrato che in effetti pronunciò quella frase. E la procura agrigentina ha aperto fascicoli d'indagine anche per gli oltre seimila migranti, quasi tutti tunisini, giunti nelle ultime settimane sull'isola
De Rubeis sull'inchiesta aperta nei suoi confronti dice: "Non sono razzista. Mi potevo aspettare di tutto ma non questo. A Lampedusa, con l'amministrazione comunale in testa, siamo accoglienti, ci mettiamo a disposizione delle persone che arrivano. Ho solo riproposto specificando meglio alcuni passaggi una vecchia ordinanza del 2009 che era stata studiata insieme alla questura. Ricordo che ci lavorò anche il vicequestore Guarino. Ora il questore ha segnalato la nuova ordinanza alla procura. Ma io non menziono gli immigrati. L'ordinanza vale per tutti italiani o cittadini stranieri. I lampedusani sono con me e ho la loro solidarietà".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati