Corte dei Conti: "Ecco il buco nero della sanità in Sicilia"

Effettuato un ampio accertamento su abusi, sprechi e irregolarità sul settore nell'Isola. Intanto sono stati citati in giudizio per danno erariale funzionari, manager nonché componenti della giunta guidata fino al 2008 da Salvatore Cuffaro, ora in carcere per favoreggiamento della mafia

PALERMO. Si cominciano a tirare le somme sul grande buco nero della sanità in Sicilia. La Corte dei conti sta svolgendo un ampio accertamento su abusi, sprechi e irregolarità e intanto ha citato in giudizio per danno erariale funzionari, manager nonché componenti della giunta guidata fino al 2008 da Salvatore Cuffaro, ora in carcere per favoreggiamento della mafia. La sanità è uno dei capitoli più corposi della relazione del procuratore generale Guido Carlino all'inaugurazione dell'anno giudiziario della Corte dei conti per la Sicilia. La relazione dedica vari passaggi ad altri temi come la gestione dei rifiuti, le responsabilità di funzionari regionali che con i loro comportamenti omissivi hanno fatto perdere ingenti finanziamenti ad aziende private, lo scandalo della formazione professionale, le assunzioni facili e l'affidamento illecito di consulenze.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati