"Boicottate il pomodoro di Pachino": scoppia la polemica

Bufera in Sicilia dopo che nella puntata del programma firmato da Maurizio Costanzo "Bontà loro", su Rai Uno, è stato proposto di non acquistare il prodotto per il presunto controllo da parte della mafia. Miccichè: "Proposta raccapricciante"

ROMA. E' polemica in Sicilia dopo che nella puntata del programma 'Bonta' lorò in onda su RaiUno, é stato proposto di non acquistare il pomodorino di Pachino (Sr) per il presunto controllo da parte della mafia della sua commercializzazione. Il sottosegretario Gianfranco Micciché parla di "proposta raccapricciante", mentre il mondo agricolo é in subbuglio.  L'assessore regionale alle Risorse agricole ed alimentari, Elio D'Antrassi, dice che "é falso e privo di fondamento dire che il pomodorino sia in mano alla mafia".    Durante la trasmissione, in onda due giorni fa, è stato mostrato un frammento d'intervista al procuratore nazionale antimafia, Piero Grasso, che parlando delle infiltrazioni mafiose nel settore alimentare, ha citato il caso del pomodorino tipico siciliano che, prodotto a Pachino in provincia di Siracusa, viene trasportato nel mercato di Fondi, a Latina, per essere confezionato e poi trasferito nuovamente in Sicilia per la distribuzione nei grandi magazzini.    Passaggi, è stato detto nella trasmissione, che farebbero lievitare i costi al consumo, fino a 11 volte il prezzo alla produzione che è di 50 centesimi in media.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati