Il padrone in ospedale, cane si lascia morire di fame

SONDRIO. Una storia da libro "Cuore" in  Valtellina. Un barboncino di 10 anni, Jeck, si stava lasciando morire di fame da quando il suo padrone era finito in ospedale in seguito ad un incidente in bicicletta. "Il mio amico Palmiro Andreoli, di 71 anni - racconta Luciano Violante, ex consigliere comunale di Sondrio - è finito nell'Adda mentre percorreva in bici una pista ciclabile lungo il fiume. Si è salvato, ma il suo cane, da quando lui era stata ricoverato, non prendeva più cibo da nessuno. E, a poco a poco, stava morendo di crepacuore". "Grazie all'interessamento di Violante e del mio medico curante - afferma Andreoli - i sanitari dell'ospedale hanno accettato che Jeck venisse a trovarmi durante il ricovero. Così ha ripreso a mangiare e, gradualmente, è migliorato. Adesso sono tornato a casa, dopo un mese, siamo tornati a vivere assieme, io e la mia bestiola".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati