Operai Amia al lavoro, ma Palermo è ancora tra i rifiuti

Cumuli di immondizia dopo il guasto a Bellolampo. In azione gli auto compattatori, ma la rimozione della spazzatura accumulata nel fine settimana è ancora lontana

PALERMO. La città ieri ha preso una boccata d’ossigeno dopo il pessimo risveglio tra i rifiuti di lunedì, ma i segni dell’ultimo guasto a Bellolampo sono ancora visibili in parecchie zone. L’Amia, d’altronde, lo ha ammesso: “Servirà qualche giorno per recuperare l’arretrato accumulatosi nelle strade nel fine settimana”. E ieri durante la trasmissione “Ditelo a Rgs” sono arrivate le proteste di chi è costretto a vivere in vie piene di immondizia. A partire da Filippo Brandi, residente dalle parti di via Inserra, strada che si inerpica verso le colline che dominano Cruillas. “È un rione – afferma Brandi – diviso in lato A e lato B. Nel lato A, con i negozi, la pulizia viene effettuata più o meno regolarmente, il lato B invece è completamente dimenticato”. E fa un esempio: “In via Mario Trapassi, una strada interna, c’è uno scarrabile che è stato utilizzato da muratori la scorsa estate. È pieno di scarti edili ed è fermo in strada da luglio, nonostante le numerose segnalazioni all’Amia”.
Sul Giornale di Sicilia la versione integrale dell’articolo.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati