Il giudice della sentenza: da Cuffaro lezione di civiltà

Antonio Esposito: “Ha accettato con rispetto il verdetto emesso dai magistrati. Gli si deve dare meritoriamente atto”

ROMA. "Dare atto di un merito, il verdetto accettato con rispetto, non significa cancellare sentenza e reati. E' anche una lezione per tutti, in tempi così burrascosi intorno alla giustizia". E' quanto afferma, al Mattino, il giudice Antonio Esposito, presidente della seconda sezione penale della Cassazione, che ha letto sabato scorso la sentenza nei confronti del senatore Salvatore Cuffaro. "L'imputato Cuffaro - ha ribadito il giudice -, pur investito di importanti cariche pubbliche, si è sottoposto al giudizio dei giudici. Si è difeso nel processo, ha accettato con rispetto, come egli stesso ha affermato, il verdetto emesso dai magistrati. Gli si deve dare meritoriamente atto".    

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati