Consorzio arance Ribera: bene obbligo di provenienza

PALERMO. "Niente più pubblicità al succo di arancia con le immagini della Sicilia se viene utilizzato quello proveniente dal Brasile. Finalmente arriva l'obbligo di etichettatura anche per la frutta fresca trasformata". Lo afferma Giuseppe Pasciuta, presidente del Consorzio di tutela Arancia di Ribera Dop
"Con l'approvazione da parte della Commissione Agricoltura della Camera del Ddl sull'etichettatura obbligatoria, - ricorda - finisce l'era del falso anche per i prodotti trasformati ed in particolare per la frutta fresca trasformata. Finalmente sapremo quando beviamo le cosiddette 'aranciate', la provenienza del succo d'arancia utilizzato".
"Finalmente un provvedimento di vitale importanza – conclude - per il settore agricolo ed agroalimentare che garantisce la trasparenza dell'informazione sui prodotti alimentari ed una maggiore sicurezza e tutela dei consumatori e delle produzioni made in Italy".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati