Italtel, a Carini sì al referendum su ipotesi accordo

Il 91,66 per cento dei dipendenti favorevole all'ipotesi sottoscritta il 5 gennaio scorso al ministero dello Sviluppo economico tra le organizzazioni sindacali

PALERMO. Il 91,66 per cento dei dipendenti dell'Italtel di Carini (Pa), 176 persone in tutto, ha votato "sì" al referendum indetto per valutare l'ipotesi d'accordo sottoscritta il 5 gennaio scorso al ministero dello Sviluppo economico tra le organizzazioni sindacali Italtel.
Si sono recati alle urne 194 lavoratori su un organico di 226 dipendenti (dirigenti esclusi). Una percentuale del 6,7 per cento (13 persone) ha votato 'no' all'accordo. "L'esito del referendum ci consegna un dato positivo importante, sia in termini di partecipazione al voto dei lavoratori, sia per la percentuale dei consensi ottenuta - dichiara, in una nota, la Rsu Fiom Italtel -. Questo significa che l'ipotesi sottoscritta dal sindacato viene ritenuta positiva dai lavoratori. Il risultato ottenuto dà inoltre al sindacato la possibilità di gestire la situazione di crisi aziendale e di continuare il confronto con l'azienda, volto al superamento delle eccedenze". "Resta inteso - aggiungono i rappresentanti aziendali della Fiom - che per noi la partita non è chiusa e proseguirà anche a livello locale con la Regione, alla quale unitariamente è stata già inoltrata richiesta d'incontro. L'assessorato regionale alle Attività produttive deve impegnarsi per dare risposte concrete, attuando una politica industriale per il settore delle Tlc e contribuire così al rilancio Italtel".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati