Michael Jackson, rinviato a giudizio il medico

L’accusa nei confronti del dottor Murray è di omicidio colposo. La morte della pop star causata da una overdose da potente anestetico

LOS ANGELES. Un giudice americano ha rinviato ieri a giudizio il medico della pop star Michael Jackson, con l'accusa di omicidio colposo per la morte del cantante nel giugno 2009, causata da una overdose del potente anestetico propofol. Il giudice Michael Pastor ha così stabilito al sesto giorno delle udienze preliminari, svoltesi per appurare se esistessero prove sufficienti per ritenere il dottor Conrad Murray responsabile della morte de, 're del pop'. Murray ha sempre respinto ogni addebito.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati