Centorrino: la lettera di Libero Grassi nelle scuole

La proposta dell'assessore regionale all'Istruzione. "Giusto che venga ricordata e commentata in tutte le classi"

CATANIA. "Suggerirò ai presidi delle scuole secondarie siciliane, d'intesa con il dirigente scolastico regionale, che domani venga ricordata, letta e commentata, in tutte le classi, la lettera di Libero Grassi indirizzata al 'caro estortore' e pubblicata sul Giornale di Sicilia il 10 gennaio di venti anni fa". Lo ha detto l'assessore regionale all'Istruzione e alla Formazione professionale, Mario Centorrino.
"Lettera, quella con cui Grassi, noto imprenditore palermitano, poi ucciso per questo dalla mafia - ha ricordato l'assessore Centorrino - rifiutava pubblicamente di sottoporsi al pizzo. E mi auguro che nelle antologie di letteratura italiana, curate per i vari ordini di scuola, questa lettera sia inserita a pieno titolo. Per quello che oggi siamo e facciamo in Sicilia dobbiamo, così come ad altri, piena gratitudine a Libero Grassi per il suo sacrificio".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati