Mafia, sequestro di beni da due milioni e mezzo a Palermo

Nel mirino Vincenzo Collesano, considerato elemento di spicco della famiglia di Partanna Mondello. Confiscati appartamenti, terreni e un’azienda

PALERMO. La guardia di finanza, su disposizione del Tribunale di Palermo, ha sequestrato beni per un valore complessivo di 2.586.717 a Vincenzo Collesano, 57 anni, palermitano, considerato elemento di spicco della famiglia di Partanna Mondello. L'uomo ed i suoi familiari dichiaravano modesti redditi. Collesano è considerato vicino all'allora reggente della cosca Francesco 'Ciccio' Di Blasi e sarebbe coinvolto nella lotta fratricida col fratello Rosario, a sua volta vicino al vicereggente Salvatore Davì.       
Collesano, in particolare, si sarebbe occupato del racket delle estorsioni, come conferma un'ordinanza di custodia cautelare in carcere del 21 gennaio 2007, emessa dal Gip di Palermo, nell'ambito dell'operazione 'Occidente', per i reati di associazione per delinquere di stampo mafioso ed estorsione aggravata. Tra i beni confiscati un'azienda commerciale per l'installazione di impianti idraulici sanitari, intestata alla moglie, del valore di 520 mila euro; terreni, quattro appartamenti ed un garage a Palermo del valore di oltre 2 milioni, oltre a circa 50 mila euro.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati