Rossi: senza vendere i giocatori migliori saremmo pronti per lo scudetto

PALERMO. Dopo la netta vittoria del Palermo contro la Sampdoria, le critiche del presidente Maurizio Zamparini sembrano più lontane per il tecnico rosanero Delio Rossi. I 30 punti raccolta finora dal Palermo a una giornata dalla conclusione del girone d'andata ridanno serenità all'ambiente.
"Oggi non era facile contro la miglior difesa del campionato - ha detto Rossi -. Sono contento per i miei giocatori che hanno fatto una gran partita. I ragazzi hanno tenuto la concentrazione fino alla fine e sono riusciti a non subire gol. Era importante anche questo. Alla fine delle vacanze ho trovato una squadra tonica e concentrata. Abbiamo concesso pochissimo alla Samp e questo significa che abbiamo fatto bene". Rossi non si sbilancia però sulle chance di Champions del Palermo. "Penso che il futuro è di questi ragazzi. Ci vorrà del tempo, ma le qualità ci sono - ha ribadito - . Se il Palermo non vendesse i suoi giocatori migliori per far quadrare il bilancio potrebbe davvero combattere per lo scudetto".
Questo i tifosi lo sanno e durante la gara hanno incitato il mister cantando: "Delio Rossi non si tocca", lanciando così un monito al presidente. "Ho un ottimo rapporto con il pubblico e li ringrazio della fiducia", sì è limitato a dire il tecnico. Sul fronte mercato, con il gol di oggi Massimo Maccarone sembra più intenzionato a restare. "Non è mai stato messo da me sul mercato - ha spiegato Rossi -. Ci sono molte chiacchiere. E' chiaro che se il giocatore chiede di andare via perché ha davanti situazioni interessanti è un altro discorso". Anche il bomber ha lanciato segnali incoraggianti. "Ho sempre detto che sto bene a Palermo - ha detto Maccarone - e il pubblico mi ha sempre trattato al meglio fin dall'inizio. C'é stato molto affetto fin dai primi giorni e adesso mister Rossi mi ha già tolto dal mercato". Sta tornando a poco a poco sui suoi livelli Javier Pastore che oggi è sembrato più pimpante, pur avendo sprecato un paio di occasioni. "La vittoria di oggi è importantissima, oggi abbiamo giocato benissimo - ha detto - Facendo così bene possiamo arrivare molto in alto, dovremmo farlo sempre. Credo molto nella qualificazione in Champions".
A segno anche oggi il capitano Fabrizio Miccoli, sempre più leader rosanero. "Il gol è stato un po' strano, l'ho fatto d'istinto - ha spiegato - Oggi era importantissimo vincere dopo la sosta. L'ho sempre detto che questo è un gruppo importante. E' bello quando tutti vanno dalla stessa parte. Spero che questo gol di Maccarone rappresenti una svolta per lui, so quanto ci teneva e sono contento. Adesso ce la possiamo giocare con chiunque". Molto deluso il tecnico doriano Mimmo Di Carlo. "Non mi aspettavo un risultato così pesante - ha sottolineato -. Inizialmente abbiamo contenuto bene il Palermo, dopo il gol di Miccoli ci siamo disuniti e con il raddoppio siamo crollati. Nel secondo tempo troppo individualismo e così abbiamo perso male. Abbiamo preso dei gol per superficialità anche se non dobbiamo dimenticare che il Palermo in casa è molto forte. Nella prossima gara mi aspetto una grande reazione dei miei".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati