Gela, insulti e spintoni durante il cenone di Capodanno

Quattrocento famiglie infuriate in uno dei complessi turistici più rinomati della città. "Novanta euro per mangiare panini e pezzi di pizza"

GELA. Si guasta un fornello e va a rotoli il cenone di Capodanno che ha rischiato di diventare una scampagnata. Protagonisti dell'insolito ”scherzo del destino” sono oltre quattrocento famiglie gelesi che avevano deciso di trascorrere la notte di San Silvestro in uno dei complessi turistici più rinomati della provincia iblea. Il malinteso tra gli organizzatori (V. B., G. S. e S. C. le loro iniziali) e alcuni villeggianti che avevano acquistato pacchetti comprendenti cenone, discoteca e pernottamento, sarebbe la causa degli atti vandalici perpetrati ai danni degli appartamenti residenziali. La vicenda rischia adesso di avere degli strascichi per il 2011 e finire per le vie legali. Solo il brindisi al nuovo anno e la musica mixata da uno dei deejay più gettonati del panorama nazionale ha permesso di dimenticare, anche solo per alcune ore, l'inconveniente del mega party che è proseguito senza alcun intoppo fino all'alba. Di ritorno a casa il bilancio della serata è stato differente. C'è chi si sente "truffato" per avere pagato anche 90 euro per un cenone a base di carne divenuto presto "buffet di panini con salsiccia e pizzetta Margherita". Un inconveniente non gradito dai tanti ospiti vestiti a festa per l'occasione, costretti peraltro ad un'attesa estenuante dell'apertura del ristorante.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati