Petardi di Capodanno, bollettino di guerra in Sicilia

Sono una quarantina le persone, fra Palermo e Catania finite in ospedale per l'uso di petardi e fuochi d'artificio. Mentre a Messina un giovane, durante i "festeggiamenti", è stato colpito da una fucilata, le sue condizioni non sono gravi

PALERMO. Consueto, triste, bollettino di guerra in Sicilia dopo la notte dell'ultimo dell'anno. Sono una quarantina le persone, fra Palermo e Catania finite in ospedale per l'uso di petardi e fuochi d'artificio. Mentre a Messina un giovane, durante i "festeggiamenti", è stato colpito da una fucilata, le sue condizioni non desterebbero preoccupazioni.

PALERMO, I CARABINIERI TIRANO LE SOMME
Durante la notte di San Silvestro, a cavallo tra le 19 del 31 e questa mattina alle sei sono stati impegnati circa 300 carabinieri del Comando provinciale di Palermo per garantire la sicurezza. Gli uomini dell’Arma, coordinati dalla Centrale operativa hanno monitorato i pronto soccorso degli ospedali ed i collegamenti nevralgici della rete stradale. Sono nove le persone che hanno dovuto fare ricorso alle cure dei sanitari, perché rimaste ferite in seguito dell’utilizzo di petardi, il più grave un 40enne di Capaci trasportato al Cervello, dove gli sono state parzialmente amputate tre dita della mano destra, e poi a Villa Sofia nel reparto di Chirurgia.

TRENTA FERITI A CATANIA
Quello di Catania è il bilancio più grave. Trenta le persone ferite, sei delle quali in maniera grave: tre di loro, un 35nne e due 20enni hanno subito, ciascuno, l'amputazione totale di una mano nel centro grandi ustionato dell'ospedale Cannizzaro dove sono ricoverati. E' il primo bilancio dei botti di fine anno nella provincia di Catania. Dei trenta feriti medicati nei vari ospedali i più gravi, di età compresa compresa tra 19 e 33 anni, sono ancora ricoverati al Cannizzaro e uno al Vittorio Emanuele, e rischiano interventi chirurgici alla mano, ma nessuno di loro è in pericolo di vita. Tutti hanno riportato gravi ustioni nell'esplosione di giochi di artificio che stavano maneggiando.

A MESSINA FUCILATA SU UN GIOVANE
Un giovane, del quale non sono state ancora rese note le generalità, è stato ferito la notte scorsa da un colpo di arma da fuoco durante i festeggiamenti di fine anno nel rione Giostra a Messina. Secondo una prima ricostruzione la vittima era sul balcone di casa quando un proiettile vagante lo ha colpito al torace. Soccorso e" stato subito trasportato all'ospedale Papardo, dove é ricoverato con la prognosi riservata, ma per i medici non sarebbe in pericolo di vita. Sul caso indagano i carabinieri.


DUE FERITI GRAVI A MAZARA DEL VALLO
Due giovani sono rimasti feriti in modo grave la notte di Capodanno per lo scoppio di petardi a Mazara del Vallo. Il primo, giunto al Pronto soccorso dell'ospedale 'Abele Ajello' 15 minuti dopo mezzanotte, ha riportato l'amputazione di tre dita della mano destra. L'altro ha perso un occhio e dopo le prime cure al nosocomio mazarese è stato trasferito nel reparto di Oculistica di Palermo.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati